Book by Kamaleontica “Storie della buonanotte per bambine ribelli”

C’era una volta.. è così che iniziano le più note favole. Quelle che raccontano di maghi cattivi e di sorellastre, di boschi incantati e di principesse dalla lunga chioma, salvate da belli e coraggiosi principi.

Ma siamo proprio sicuri che le nostre eroine abbiano bisogno di un uomo per essere salvate? Noi di Kamaleontica siamo convinte del contrario ed è per questo che oggi vi raccontiamo di “Storie della buonanotte per bambine ribelli”. Il libro di Elena Favilli e Francesca Cavallo che riscrive il modo di raccontare le favole al femminile uscito in Italia il 28 febbraio, edito da Mondadori.

Un libro che racconta la storia di 100 eroine dei nostri tempi che “forse avranno amato un loro principe, ma non hanno avuto bisogno di lui per essere salvate”. Donne comuni eppure straordinarie come Hilary Clinton, prima candidata donna a contendersi la presidenza degli Stati Uniti, Rita Levi Montalcini, Nobel per la Medicina, la scrittrice Virginia Wolf, Serena e Venus Williams campionesse sportive e ancora giornaliste, musiciste, eroine di guerra. E perché no, tra le protagoniste anche una regina, Elisabetta I… ma che regina!

Con uno stile semplice accompagnato dalle illustrazioni a colori realizzate da 60 artiste, Storie della buonanotte per bambine ribelli racconta dunque un modello femminile diverso, che affronta la vita con coraggio e determinazione e che non ha bisogno di attori esterni per costruire la propria storia. Un concetto oggi scontato, direte, eppure non lo è! Secondo una ricerca del dipartimento di sociologia dell’Università della Florida sui libri per l’infanzia dell’ultimo secolo, su circa 6000 libri illustrati analizzati, solo 450 avevano per protagonisti animali femmine.

Ma i libri sono libri e la vita è la vita, forse aggiungerete! Neppure questo è del tutto vero perché, in fondo, è la cultura a darci la chiave di lettura per comprendere e interpretare il mondo che ci circonda. Da qui il ruolo fondamentale dell’editoria per bambini. “Secondo recenti ricerche le bambine, fin dalla scuola media, iniziano a perdere fiducia in se stesse – spiegano infatti le due autrici – ecco perché essere esposte molto prima a una narrazione diversa della femminilità è fondamentale”.

Autrici che sono esse stesse esempio per le donne del domani. Giornalista-imprenditrice, Elena Favilli, autrice e regista di teatro Francesca Cavallo, si incontrano a San Francisco nel 2012 e fondano Timbuktu Labs, startup dedicata a prodotti innovativi per l’infanzia. Ma Storie della buonanotte per bambine ribelli, non è solo un successo editoriale, è anche il libro più finanziato nella storia del crowdfounding. Tradotto in 12 lingue ha raccolto, da aprile ad ottobre 2016, oltre un milione di dollari da 70 nazioni tramite la piattaforma Kickstarter. Numeri che da soli bastano a comprendere quanto innovativo sia il progetto e che sono sintomo della comune esigenza di scardinare modelli ormai obsoleti di femminilità.

Genitori, dunque, stasera leggete queste storie straordinarie ai vostri figli. Sarà il vostro piccolo contributo per insegnare alle vostre principesse a sognare in grande e ai vostri principi che, se l’equivalente femminile di eroe è eroina, non è certo perché le donne hanno una marcia in meno! Non pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *