I 4 font più amati dai pubblicitari

Nel 2018 in piena epoca delle immagini, i caratteri tipografici hanno ancora un ruolo fondamentale: la scelta del carattere può determinare il successo di qualsiasi architettura grafica, sia che si tratti di un sito web sia che si tratti di una pubblicità. La parola chiave che vale per tutti è: leggibilità.

Ma quali sono i caratteri tipografici che hanno un posto speciale nel cuore di tutti i graphic designer come classici intramontabili? Ne abbiamo selezionati quattro:

Helvetica: uno fra i caratteri più famosi al mondo e fra i più utilizzati in pubblicità. È stato creato nel 1957 in Svizzera da Max Miedinger e Edouard Hoffmann, ed è stato protagonista assoluto delle pubblicità negli anni sessanta e settanta. Semplice, chiaro, leggibile e senza grazie. Impossibile non amarlo!

Bodoni: prende il nome dal suo creatore, Giambattista Bodoni che lo realizzò nel 1798. Font italiano per eccellenza, moderno e con grazie, l’eleganza che si fa carattere tipografico. Una garanzia per la stampa!

Futura: insieme a Helvetica è fra i font più versatili e utilizzati in pubblicità, nato nel 1933 in Germania da una forte influenza Bauhaus questo font fu presentato per la prima volta al pubblico alla triennale di Milano. Ancora oggi è il carattere di Ferrovie dello Stato e della casa di moda “Dolce&Gabbana” .

Times New Roman: un altro caposaldo della pubblicità, questo carattere famosissimo è stato anche il primo ad essere stato digitalizzato: realizzato nel 1931 da Stanley Morison e Victor Lardent, ha fatto la sua prima apparizione il 3 ottobre 1932 sul quotidiano britannico The Times.

Condividi
Tweet
+1
Pin