Instagram per aziende: la forza del marketing in uno scatto

Instagram per aziende: la forza del marketing in uno scatto

Instagram per le aziende: la forza del marketing in uno scatto

 

Tra tutti i social media di cui è possibile disporre oggi, Instagram è sicuramente tra i più facili da utilizzare: immediato e intuitivo, da agli utenti la possibilità di condividere in tempo reale le immagini di un posto in cui si trovano, di un’esperienza che stanno vivendo, di un cibo particolare che stanno gustando o anche solo di un momento che desiderano condividere con i propri “followers” senza bisogno di tante parole ma solo di qualche hashtag di “di quelli giusti”.

A parlarne così può sembrare che l’utilizzo di instagram sia riservato al tempo libero o a chi per lavoro si occupa di cose “altamente instagrammabili” come, per esempio, il food. In realtà sempre più aziende, a prescindere dal settore in cui operano, hanno deciso di aggiungere questo social ai propri mezzi di comunicazione per utilizzarlo come mezzo di advertising insieme a canali più “tradizionali” come Facebook e Linkedin.

In questo articolo scopriremo:

  • Instagram è un social perfetto per l’ADV
  • Come le aziende possono sfruttare le potenzialità di Instagram 
  • Quando una strategia di adv su Instagram è fatta bene

 

 

Instagram è un social perfetto per l’ADV

 

Facebook è il re indiscusso della comunicazione sui social, sia essa a scopo privato o aziendale, è ormai risaputo. Ciò che forse in molti non sanno, però, è che da qualche tempo Instagram ha iniziato a scalfire l’inattacabile primato del social dalla F bianca, diventando uno dei canali favoriti da oltre l’85% dei top brands mondiali.

A rendere Instagram così interessante per le aziende, soprattutto quelle che si occupano di vendere qualcosa (abbigliamento, arredi, alimenti, gioielli, ecc) è la sua natura fotografica. Questo social network, infatti, segue una logica che si basa principalmente – per non dire unicamente – sulle immagini che gli utenti condividono sulle proprie pagine; hashtag ed eventuali testi fanno solo da accompagnamento al contenuto principale che rimane in ogni caso la foto che si è scelto di postare.  

Seguendo questa logica che prevede la condivisione di una semplice foto su Instagram, si può intuire quanto facile e immediato sia comunicare agli utenti un messaggio che si desidera condividere, senza stare troppo a preoccuparsi di trovare le parole giuste.

 

Come le aziende possono sfruttare le potenzialità di Instagram

 

Dal 2016, inoltre, l’idea di usare Instagram come mezzo ulteriore per il social media marketing e l’advertising è diventata ancora più appetibile grazie all’introduzione sul social dell’opzione “Profilo Business”. Per le aziende, o per chiunque abbia un’attività che desidera sponsorizzare attraverso Instagram, è possibile creare un profilo business che faccia da connessione fra l’azienda e i consumatori.

A differenza dei profili privati, il profilo business offre delle caratteristiche ulteriori per la gestione dei contenuti, ovvero il  monitoraggio degli Insights, che sono i dati riguardanti l’identità e le preferenze dei followers che seguono la pagina. Nello specifico, attraverso l’analisi dei dati Insights sarà possibile vedere:

  • la provenienza geografica dei follower, la loro età ed il sesso, e questo sarà utilie per l’individuazione di un preciso target di utenti;
  • le impression, ovvero il numero di visualizzazioni ricevute da un singolo posto;
  • la copertura dei post;
  • il numero di like per singolo post;
  • i click sul sito web (quando esistente e collegato al profilo Instagram);
  • gli account unici che hanno visualizzato l’account Instagram;
  • la possibilità di creare degli annunci tramite Instragram Ads (a pagamento come funziona per gli annunci sponsorizzati su Facebook).

 

 

Quando una strategia di adv su Instagram è fatta bene

 

Per fare si che un profilo business abbia il giusto impatto su Instagram è importante tenere a mente che nel pubblicare i post bisogna pensare ai contenuti in maniera diversa rispetto a quando lo si fa per il proprio profilo privato. Nel caso del social usato come canale per l’advertising, infatti, è necessario che ogni contenuto – sia foto che stories – contenga un forte elemento “storytelling”, ovvero sia in grado di raccontare qualcosa all’utente, di trasmettere delle emozioni che invoglino ad andare sul profilo e scorrere tra le immagini per scoprire tutti i prodotti o servizi offerti dall’azienda che ha postato quel contenuto in grado di suscitare tanto interesse. 

Altra cosa fondamentale quando si decide di usare Instagram per l’advertising è quella di riuscire ad indviduare una propria voce forte e riconoscibile e accompagnarla con il giusto visual: lo stile grafico e l’impatto comunicativo di un’azienda devono essere immediatamente riconoscibili e saper colpire “al primo scatto” per contribuire alla creazione una brand awareness sempre più solida. 

 

Ultimo ma fondamentale passaggio per crare un buon profilo business su Instagram è quello di capire come strutturare le pubblicazioni, ovvero la creazione di un piano editoriale che organizzi la tua attività attravero passaggi precisi.

Per creare un piano che raggiunga certi obiettivi di visualizzazione e traffico sulla pagina è necessario:

  • Studiare il contesto;
  • Conoscere l’azienda (attività) di cui si vuole parlare;
  • Stabilire prima degli obiettivi business;
  • Approfondire il target che si vuole raggiungere;
  • Attuare strategie di marketing mirate al raggiungimento degli obiettivi di cui sopra. 

 

Se hai trovato questo articolo interessante dai un’occhiata ad altri articoli simili sul blog di Kamaleontica!

Condividi
Tweet
+1
Pin