4 libri indispensabili per i Graphic Designer

È proprio vero: non si finisce mai di imparare, neanche per chi lavora nel Graphic Design.  

Per tutti quelli che gli addetti ai lavori chiamano affettuosamente “i grafici” non è una vita semplice: non si tratta solo di conoscere le aspettative del pubblico ma anche e soprattutto di sapere interpretare i desideri e l’identità del committente. Inoltre, come è naturale che accada, a volte si insinua anche il tanto temuto “blocco creativo”.  E spesso l’ispirazione nella realizzazione delle immagini viene dalle parole. Per questo vogliamo condividere i testi che sono stati per noi fonte di ispirazione nei momenti critici.

L’abecedario del grafico: La progettazione tra creatività e scienza – Michele Spera
Una raccolta delle più entusiasmanti lezioni di Michele Spera al Corso di laurea in Disegno industriale alla Facoltà di Architettura dell’Università di Roma La Sapienza. Gli argomenti della grafica, le gabbie, le griglie, la creatività e la scienza accompagnati da più di 2000 immagini e progetti dell’autore. Michele Spera svela i segreti e i codici del mestiere di Graphic Designer.

Cromorama – Riccardo Falcinelli
La storia dei colori come nessuno l’aveva mai raccontata. Intrecciando storie su storie, e con l’aiuto di 400 illustrazioni, Falcinelli narra come si è formato lo sguardo moderno attingendo all’intero universo delle immagini: non solo la pittura, ma anche la letteratura, il cinema, i fumetti e soprattutto gli oggetti quotidiani, che per la prima volta ci fa vedere in maniera nuova e inconsueta.

Da cosa nasce cosa – Bruno Munari
Tra i grandi libri di Munari, questo è quello che forse maggiormente rende felici i lettori per la leggerezza incantata con cui li porta a scoprire che saper progettare non è dote esclusiva e innata di pochi. C’è in ognuno di noi una creatività che Munari in queste pagine aiuta a sviluppare e a mettere in luce.  

Sei proprio il mio typo. La vita segreta dei caratteri tipografici – Simon Garfield
Pressoché sconosciute fino a vent’anni fa, oggi le font sono a tutti gli effetti protagoniste. Ma quali sono state le tappe che le hanno portate a uscire dalla ristretta cerchia di addetti ai lavori? La risposta è in questo saggio di Simon Garfield, che rappresenta un autentico compendio della secolare storia della tipografia, da Gutenberg ai giorni nostri, che conta oltre centomila tra font e caratteri tipografici, ognuno con le sue peculiarità. Condito di aneddoti sul design, “Sei proprio il mio typo” si impone come testo di riferimento per quanti desiderano conoscere l’affascinante mondo delle font che, non sono il semplice disegno di lettere dell’alfabeto, ma costituiscono un vero e proprio veicolo di emozioni.

 

Buona lettura!

Condividi
Tweet
+1
Pin