Restyling sito web: da dove iniziare e con quali obiettivi

Restyling di un sito web: per qualcuno è un pensiero fantascientifico, per altri è sperimentazione e design. Per qualcun altro, tecnica. Poi ci siamo noi: che facciamo stare insieme queste componenti con un pizzico di visione del futuro.

Il restyling del sito web è un momento che qualunque azienda ad un certo punto deve affrontare. Le abitudini degli utenti cambiano, e non solo in termini di gusto estetico, ma anche in termini di necessità di navigazione. Per avere un sito che garantisca un’esperienza di navigazione positiva e soddisfacente che invogli l’utente non solo a rimanere, ma anche a ritornare, è importante assecondare (e perché no, superare) le sue aspettative. Il modo di utilizzare i siti web da parte degli utenti, cambia con la stessa rapidità con cui cambiano la tecnologia, i nuovi media, le mode e le tendenze. Il sito vetrina, molto utilizzato fino a cinque anni fa, oggi non soddisfa più le esigenze del navigatore, che sempre più vuole interagire con l’azienda e con i suoi servizi. E sempre più spesso vuole farlo da dispositivi mobili.

Questo infatti rappresenta un altro importante cambiamento: se fino al 2010 gran parte del traffico proveniva da computer fissi, oggi più della metà degli utenti che visitano i siti web aziendali, proviene da dispositivi mobili come smartphone e tablet. Un sito web responsive deve avere una resa e una usabilità anche se visualizzato da questi dispositivi. Per un’azienda (o un professionista) che nel 2018 possiede un sito web non responsive, è arrivato il momento di fare il restyling tanto rimandato.
Inoltre anche l’occhio vuole la sua parte, e non dobbiamo dimenticare che per una esperienza di navigazione piacevole, non basta avere un sito web responsive e funzionale, deve essere anche bello. E si sa, che soprattutto in termini di design e tecnologia, a dettare legge sono quasi sempre le mode. Un disegno contemporaneo che sappia reinterpretare l’identità aziendale e che parli al pubblico in modo personale e semplice.

Un sito web restaurato secondo queste logiche, merita di arrivare in prima pagina. Come?

Costruendo i contenuti in ottica SEO e prevedendo una sezione da aggiornare costantemente con pagine e contenuti sempre nuovi ed elaborati in modo da far arrivare primo il sito nelle ricerche di Google e degli altri principali motori di ricerca.  Stile, funzionalità, ottimizzazione, posizionamento e personalità: sono gli ingredienti che non devono mancare quando si inizia a progettare il restyling di un sito web. Senza dimenticare che tutti questi elementi devono sempre valorizzare l’identità, la storia e il percorso dell’azienda e di chi la compone.

Condividi
Tweet
+1
Pin