Social media e agenzie di comunicazione: storia di un amore

Social media e agenzie di comunicazione: storia di un amore 

 

FacebookInstagram, Twitter, Pinterest, Tumblr, Youtube, Linkedin. 

Una lista della spesa un pò sopra le righe? No: un elenco dei social media più usati dai giovani (e non solo!) per comunicare tra loro, tenersi informati, condividere contenuti e farsi un pò i fatti degli altri.

Che siano diventati il principale strumento di comunicazione dei nostri giorni non è più un segreto, ma la cosa davvero interessante – soprattutto per chi desidera promuovere un prodotto o un servizio da offrire ad una specifica tipologia di pubblico, è che sono ormai il miglior mezzo per raggiungere una visibilità maggiore, “agganciando” molti più possibili clienti grazie alle modalità di navigazione più immediate e “coinvolgenti” caratteristiche di tutti i social media.

 

In questo articolo parleremo di:

  • Cos’è il Social media marketing
  • L’importanza che riveste per le aziende
  • Forme di comunicazione diverse per social diversi

Cos’è il Social media marketing

Quando si parla di Social media marketing s’intende l’insieme di strategie pensate specificamente per le piattaforme social attraverso cui le aziende così come i liberi professionisti, mirano a promuovere i propri prodotti o servizi e raggiungere nuovi clienti o coinvolgere di più e meglio i clienti attuali. Non meno importante anche una strategia che miri a costruire una buona  Social Reputation, ovvero la loro immagine nel web e, appunto, sui social.

Per dirla in modo più semplice: tramite il social media marketing è possibile creare dei post (che contengano video, foto, gif e tutti i contenuti multimediali che oggi è possibile inserire su una pagina oltre al semplice testo) che risultino più accattivanti rispetto ad un annuncio su un sito, e riescano a catturare subito l’attenzione degli utenti ritenuti “in target”, cioè corrispondenti al profilo di possibili clienti interessati ai prodotti/servizi offerti dalla pagina. 

Spesso il social marketing viene confuso con il digital marketing, ma sono in realtà due cose ben distinte.

Quando si parla di digital marketing infatti ci si riferisce ad un tipo di campagne più complesse che includono investimenti diversificati come search marketing o email marketing, con strategie che puntano anche a massimizzare i profitti del brand il più possibile. Spesso nel digital marketing vengono utilizzati anche “canali classici” come radio e televisione, proprio perché la peculiarità delle strategie digital è quella promuovere un brand attraverso tutti i canali possibili.

La differenza tra digital e social media marketing è quindi palese: la seconda utilizza come mezzo di comunicazione unicamente le piattaforme social. 

L’importanza che riveste per le aziende

Il social media marketing può essere un’arma molto potente sia per le aziende che per i privati che hanno bisogno di una maggiore visibilità per i prodotti/servizi che offrono.

Grazie ad una strategia di social media marketing ben pianificata, infatti, è possibile avere una visibilità costante e raggiungere anche quegli utenti che magari non navigano molto in rete né prestano attenzione a radio, televisioni e giornali, ma preferiscono informarsi tramite smartphone.

La modalità di fruizione dei social rende immediatamente visibili tutti i contenuti presenti sulla bacheca di Facebook, di Instagram o anche di Linkedin, ponendo subito all’attenzione dell’utente qualcosa messa in rilievo da una determinata persona o all’interno di una pagina; in questo modo si potrà avere la certezza che un tot di utenti, pure non andando sulla pagina dell’azienda, vedrà comunque i suoi contenuti.

Non è sempre detto che una visualizzazione generi un cliente in automatico, ma è sicuramente più probabile che – anche solo per curiosità – un utente agganciato da un certo post migri sulla pagina che l’ha pubblicato per guardare contenuti simili.

Compito di chi pianifica una strategia di questo tipo è proprio creare questo tipo di engagement tra contenuto di un post e utenti.

 

Forme di comunicazione diverse per social diversi

Va da sè che non tutte le strategie social sono uguali.

Ogni strategia deve essere messa a punto innanzitutto pensando al cliente: i suoi valori, la sua personalità e quella del prodotto che vende, specificamente pensata per essere rappresentativa in ogni sua parte dei valorie dell’idea dietroi servizi che offre.

Detto ciò risulta chiaro che ogni strategia deve essere ragionata basandosi anche sulla piattaforma social di destinazione.

Se si crea un contenuto pensato per Facebook, ad esempio, ci si può sbizzarire maggiormente non solo nel contenuto, ma anche nella forma: sul social in questione è possibile tenere toni scherzosi, inserire gif divertenti nei post, giocare con le parole. L’uso informale che ne ha sempre fatto la maggior parte della gente facilità l’accesso a certe offerte, introdotte da una foto e una gif in modo meno settorializzato e ostico per chi non è “addetto al settore” in un certo campo.

Instagram è invece un social che utilizza principalmente immagini, quindi la scelta della strategia si baserà soprattutto su qualcosa che abbia un forte impatto visivo e, anche in questo caso, visto il tipo di fruizione che se ne fa, sarà bene pensare a contenuti che siano esteticamente d’impatto.

Linkedin, infine, è un social che viene ritenuto “professionale”, e come tale va gestito: niente gif coi gattini, ma tante informazioni di tipo specifico che mirano a parlare ai professionisti del servizio/prodotto che si sta offrendo in modo il più possibile tecnico e, appunto, professionale.

 

Se vuoi saperne di più su come usare questi ed altri social media per massimizzare i profitti della tua attività visita il sito di Kamaleontica e dai un’occhiata agli articoli e ai consigli sul nosotro blog!

Condividi
Tweet
+1
Pin